La gioia di darti agli altri

31.01.2020
di Fernanda Islas
Giovani

Fernanda Islas, giovane messicana che parteci­pa agli incontri presso il Centro Misionero Scalabrini di Città del Messico, ha condiviso con noi alcune delle sue riflessioni dopo aver svolto per alcuni mesi delle attività di volontariato con i bambini nella Casa del Migrante dei Missionari Scalabriniani.

“La gioia di darti agli altri”: questo disse madre Teresa di Calcutta e solo ora capisco quanto amore aveva per la vita. Nella vita ci troviamo ad avere molte cose e a volte ci vantiamo di ciò che possiamo. Ma le cose materiali contano veramente?

Il non renderci conto di quanto sia bello condividere con gli altri qualcosa anche di piccolo, come il tempo, un abbraccio, l’ascolto, ci ha portato a grandi guerre, solo a causa dell’intolleranza e del­l’egoismo.

Costantemente dimentichiamo che il prossimo è nostro fratello, che preoccuparci per coloro che hanno bisogno di noi è la nostra grande missione nella vita. E si può immaginare che questo valga a maggior ragione per un bambino che deve par­tire dal suo paese, lasciare ciò che conosce, i suoi amici, le sue cose, la sua scuola, magari perché la sua famiglia è stata minacciata dalla guerra, dalla persecuzione o semplice­mente perché i suoi genitori de­­siderano offrirgli migliori opportunità.
I bambini migranti hanno una storia ed è una storia importante... e dolorosa. “Con il tempo passerà”, “quando crescerà…” (come spesso pensano alcuni) ma queste cicatrici non spariranno, non si cancelleranno gli abusi, la discriminazione, le lunghe e interminabili ore di cammino, la sete, la fame, il freddo, il non avere un tetto, le botte, il pericolo e tante cose che neanche immaginiamo possano succedere a un piccolo indifeso. La gioia di donare qualcosa a questi bambini, di ascoltarli, di condividere con loro è una sensazione semplicemente indescrivibile che riempie l’anima e la nutre.

Una bambina di circa tre anni, di carnagione scura, con grandi e profondi occhi neri, parlava un’altra lingua e non aveva accanto a sé sua madre o chi le potesse dare protezione, amore, sicurezza e cura; questa situazione la portava ad avere un faccino innocente ma serio, con la fronte sempre corrucciata. D’improvviso s’illumina con un sorriso riconoscente, perché aveva solo bisogno di un abbraccio e tu gliel’hai dato.

Una bambina di circa tre anni, di carnagione scura, con grandi e profondi occhi neri, parlava un’altra lingua e non aveva accanto a sé sua madre o chi le potesse dare protezione, amore, sicurezza e cura; questa situazione la portava ad avere un faccino innocente ma serio, con la fronte sempre corrucciata. D’improvviso s’illumina con un sorriso riconoscente, perché aveva solo bisogno di un abbraccio e tu gliel’hai dato.

Decidere di non comprarti un paio di scarpe del tuo numero e acquistare, invece, un paio di scarpe da tennis un po’ più piccole potrebbe sembrare assurdo; ma t’invito a conoscere un bambino che è arrivato dal suo lungo viaggio dall’Honduras a Città del Messico con niente più che delle scarpette di gomma consumate per il tanto camminare e i vestiti che aveva addosso. È il caso di un bambino di quasi quattro anni, di pelle bianca e vellutata, capelli castani e senza qualche dente a cui si sono illuminati i grandi occhi color miele quando ha ricevuto in regalo le sue due nuove “compagne” per continuare il viaggio verso la frontiera nord del paese.

I volti felici che hanno i bambini quando ricordano momenti gioiosi nel loro lungo e difficile cammino sono le più belle soddisfazioni. Una parte del nostro cuore se ne andrà per sempre con loro, ma questo non ci toglie nulla, anzi ci riempie ancora più di amore. Se ascoltiamo la voce di un bambino che soffre potremmo cambiare i semi di questo mondo, mettere al posto del rancore bei ricordi, tolleranza, bontà, solidarietà, sensibilità. Questo è ciò di cui ha davvero bisogno il mondo: raccogliere frutti d’amore e scoprire il vero senso della vita.

Articoli blog simili

26.09.2020
Stuttgart (D)

Chiesa-Fede, Giovani

Una Parola che non lascia come prima

Claudia e Melanie, missionarie a Stoccarda, accompagnano anche su invio della diocesi di Rottenburg-Stuttgart e in collaborazione con la pastorale universitaria in particolare gli studenti internazionali che arrivano dai più diversi paesi per studiare nelle università di questa città tedesca. Insieme a questi giovani hanno sperimentato, in modo nuovo dopo la fase del confinamento, l’importanza dello scambio delle esperienze personali, delle fatiche, delle domande che attraversano la vita quotidiana e la ricerca della fede.

Continua a leggere

13.04.2020
Stuttgart (D)

Chiesa-Fede, Giovani

Contagiare di Speranza

Questo tempo di crisi non è facile per nessuno. E sto scoprendo che cosa significhi per gli studenti internazionali. Qui a Stoccarda in Germania ci troviamo in una situazione di quasi quarantena: bisogna evitare i contatti sociali e non unirsi con altri in gruppo, le università sono chiuse e improvvisamente ti ritrovi solo tra le quattro mura della tua stanza.

Continua a leggere

09.09.2019
Stuttgart(D)

CdS Stoccarda, Giovani

Ein Stück Heimat

»Auch in Stuttgart kann man sich wie zuhause fühlen!« Das war die angenehme Erfahrung der internationalen Volunteers, der sogenannten »Reversler/innen« der Diözese Rottenburg-Stuttgart. Am 9. September 2019 besuchten sie uns im Centro di Spiritualità.

Continua a leggere